Un Giro in Ungheria

person Pubblicato da: Leone Belotti list In: Cronache ROSTI Il: comment Commento: 0 favorite Visite: 320

Oggi, nei giorni del 65° anniversario della rivolta d’Ungheria, viene presentato il Giro d’Italia 2022. Si parla di diritti TV, di crono troppo corte, di trasferimenti. Meno male che ci sono i nostri veci del Rosti Bar a ricordarci che ci sono stati tempi in cui la “fuga” in bici non era uno spettacolo sportivo.

de-biasi-budapest-1956.jpg

Novembre 1956, messaggio diffuso dalla radio ungherese: «Qui parla il Primo Ministro Imre Nagy. Oggi all'alba le truppe sovietiche hanno aggredito la nostra capitale con l'intento di rovesciare il governo legale e democratico di Ungheria. Comunico questo fatto al popolo del nostro Paese ed al mondo intero».

Biciclette e carri armati

In meno di una settimana i carri armati sovietici vinsero la battaglia contro studenti e operai in bicicletta. Il cronista Fossati e il fotografo De Biase furono gli unici due giornalisti stranieri che documentarono la rivolta. Vi furono 3000 morti e 250.000 esuli in fuga con ogni mezzo. Negli anni successivi, oltre 1200 persone furono condannate a morte dal governo filosovietico, tra cui l’ex primo ministro Nagy.

Italia-Ungheria

In Italia i fatti d’Ungheria crearono una spaccatura insanabile tra i due grandi partiti della sinistra, socialisti e comunisti. Da questo fatto derivò la paralisi della vita politica italiana per i 30 anni successivi, monopolizzati dalla Democrazia Cristiana. Le immagini dei ribelli in bici di quel 1956 a Budapest segnarono la fine della democrazia non solo in Ungheria, per questo non dovremmo dimenticarle tanto facilmente... 

Commenti

Nessun commento in questo momento!

Lascia il tuo commento

Domenica Lunedi Martedì Mercoledì Giovedi Venerdì Sabato Gennaio Febbraio Marzo Aprile Può Giugno luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre
close Shopping Cart
close Shopping Cart

Nuovo Registro conti

Hai già un account?
Entra invece O Resetta la password