La morale del cronometro

person Pubblicato da: Leone Belotti - Calepio Press list In: Un Giro al Rosti Bar - Giro d'Italia 2018 Sopra: comment Commento: 0 favorite Visite: 324

Tappa 16: Trento-Rovereto, 34,5 Km (cronometro individuale)

«Non mi sono mai piaciute le cose col cronometro in mano.»

«Nemmeno a noi, Mery» la rassicura il Gino.

Siamo alla tanto temuta cronometro. Da Trento a Rovereto sono solo 34 km, una distanza che perfino io potrei percorrere.
Nella mia ignoranza (o come dice la Mery: «la tua verginità») non riesco a capire come queste mini-tappe possano risultare decisive per la classifica, con distacchi di minuti,
che sullo stesso tragitto in gara non ci sarebbero mai. Berlinguer prova a spiegarmi: «nella cronometro sei solo contro il tempo, non hai avversari da inseguire o da distanziare.»

«Non è vero, non ascoltarlo» dice il Gino «ce l’hai un avversario: te stesso. Cioè il peggior avversario che possa esistere, per qualcuno.»

Il Marelli, più semplicemente: «Hai mai visto una gara di sci?»

Intanto Aru si conquista il primo posto momentaneo, che gli viene tolto da Martin. Poco dopo scendono in strada Dennis, e a seguire Froome, Pozzovivo e il superman della crono Tom Dumoulin.
E dopo di lui la maglia rosa Yates. I veci cominciano a scaldarsi, mentre la gara è tutto un confronto sugli intertempi. Arriva Dennis e con 40 minuti precisi si prende il primo posto,
in attesa degli altri. 

Ho capito, è una sfida a distanza.

«Ma perché quel casco da alien? E quel manubrio, e quelle ruote piene dietro?»

Seguono complicate spiegazioni sull’aerodinamica del velocista in solitaria, mentre arrivano Froome e Pozzovivo, che non riescono a fare meglio di Dennis e Martin.
Restano in strada i due sfidanti, Dumoulin e Yates. Arriva Dumoulin e si piazza terzo con 40 e 22 secondi. 

«Ce la fa» afferma il Gino guardando Yates, ultimo uomo in strada. 

Continuerà a essere in rosa, mi spiegano, se riesce a contenere il ritardo. Ultimo chilometro, pavé, rettilineo finale: Yates ferma il tempo a 41 e 37,
e mantiene così la maglia rosa con 56 secondi su Dumoulin. Terzo resta Pozzovivo, quarto risale Froome.

Berlinguer: «Non c’è stato il terremoto.»

Il Gino: «Dumoulin non ha fatto il super fenomeno, e Yates ha fatto meglio del previsto.»

Va bene, ma io continuo a essere perplesso: «però, fatemi capire: che senso ha che una grande corsa di gruppo di 20 tappe su e giù dalle montagne,
sia poi decisa da 2 brevi gare individuali in piano? Perché non le eliminano?»

«Ma allora non vuoi capire!» sbuffa il Gino. Mi guarda con quel suo faccione vorace. Con i suoi fichissimi guanti Rosti da ciclismo afferra le ruote delle sedia a rotelle
e fa avanti e indietro sul posto, di nervosismo. 

Poi dice: «qualsiasi cosa tu vedi nel ciclismo, sensata o non sensata che sia, devi prenderla come lezione di vita.»

Ok, va bene.  Meglio non farlo arrabbiare, mi è stato raccomandato. La pressione.

«Nemmeno a me piace» interviene la Mery con la sua sexy voce roca da fumatrice «ma ha ragione il Gino. Per esempio tu, per la tua bella, scommetto che hai scalato mari e monti, no?
Poi è passato un velocista e in un attimo te l’ha portata via.»

Bum. Questo non è ciclismo, è pugilato.

«Ti ringrazio Mery, adesso ho capito perfettamente.»

Commenti

Nessun commento in questo momento!

Lascia il tuo commento

Domenica Lunedi Martedì Mercoledì Giovedi Venerdì Sabato Gennaio Febbraio Marzo Aprile Può Giugno luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre
close Shopping Cart
close Shopping Cart

Nuovo Registro conti

Hai già un account?
Entra invece O Resetta la password